EnglishItaliano
Home

Progetto Life Ursus

  • lifeursus.jpgLa nascita di KIARA è un'ulteriore conferma dell'impegno che Cartiere del Garda ha preso da anni nei confronti dell'ambiente. L'azienda, infatti, ha scelto di rispettare la natura, e lo ha fatto conformandosi alle più avanzate norme europee di tutela ambientale. Ma poi si è spinta oltre: investendo sul territorio e dialogando con quanti vi operano, vivono e lavorano.

    È così che Cartiere del Garda, nel 1999, ha affiancato il Parco Naturale Adamello Brenta nel progetto Life Ursus, collaborando alla divulgazione, sul territorio nazionale, di questa importante iniziativa attraverso la pubblicazione di libri, opuscoli e pagine pubblicitarie.

    Il progetto Life Ursus, promosso e sostenuto dall'Ente, ha visto il reinserimento dell'orso bruno sulle Dolomiti trentine; l'operazione ha preso il via nel 1997, dietro approvazione dell'Infs (Istituto nazionale per la fauna selvatica), con il sostegno della provincia di Trento e il consistente apporto economico dell'Unione Europea.

    L'orso bruno, considerato da una direttiva CEE una specie di interesse prioritario, era di fatto scomparso dalle Alpi nord orientali. Oggi, grazie al progetto Life Ursus, l'orso è tornato a popolare le montagne dell'Adamello Brenta. I primi dieci esemplari furono importati a piccoli gruppi, a partire dal 1999, dalle riserve della Slovenia meridionale; altri nacquero negli anni successivi seguendo il normale corso della natura. La piccola KIARA è nata nel febbraio 2005.